NEL SEGNO DEL MINOTAURO

CARLO MARIA VELLA

Tratto da Minotaurus. Eine Ballade di Friedrich Dürrenmat

Regia e adattamento Carlo M. Vella

Con Luana Bigioni, Maria Caggianelli, Laura Fabbiani, Marta Gavazzi, Simona Ornaghi

Assistente di scena Veronica Galluzzi

Coreografe e movimenti scenici Luana Bigioni

Maschere Marco Bonadei

Mediatrice linguistica LIS Paola Zannini

Luci Matteo Giacotto

Scenografa T12-Lab

Suono Carlo M. Vella

Durata 45’

 

Nel Segno del Minotauro è il progetto vincitore del bando “In principio era il segno” promosso dal Festival del Silenzio 2018 e nasce con l’intento di valorizzare la cultura sorda segnante attraverso la sperimentazione di diversi linguaggi non verbali.

Il Teatro, la Danza e il Suono sono combinati e integrati alla LIS, Lingua dei Segni Italiana, utilizzata per rivelare la figura del Minotauro.

Lo spettacolo racconta un percorso, durante il quale la capacità di comunicare acquista un ruolo essenziale.

In scena, le attrici sorde e udenti diventano presenza fisse che utilizzano il corpo, i segni e la danza per rappresentare il Labirinto e i Personaggi che lo abitano. Il Minotauro inizia un percorso di umanizzazione e ricerca della propria identità. Il punto di svolta è l’incontro con l’“Altro”, il Pubblico e Arianna.

 

Carlo Maria Vella è un artista milanese trentenne, interessato di teatro, fotografia e comunicazione visiva. Formatosi presso le scuole di “Quelli di Grock” e “Scimmie Nude”, attualmente collabora con le compagnie teatrali “Io Non Parlo, Sono Parlato” e “Laboratorio Silenzio”, portando avanti parallelamente un percorso di ricerca personale sulle possibilità espressive della sua sordità nel Teatro.

Un progetto di:

Con il contributo di:

Con il patrocinio di:

Con il sostegno di:

Con la collaborazione di:

CONVENZIONATO CON:

SELEZIONATO DA:

MEDIA PARTNER: